Bebè in arrivo: la mia lista delle cose utili (e sono molte meno di quelle che i negozi vogliono farci credere!)

Per la mamma – a casa

 Cuscino allattamento

Si può fare tranquillamente a meno, io però metto faccina verde perché sono molto soddisfatta del prodotto che ho comprato, o meglio che mi sono fatta regalare dagli amici per il compleanno. L’ho utilizzato per dormire nell’ultimo mese e mezzo di gravidanza (nella configurazione “a salsicciotto”) e l’ho trovato molto comodo. L’ho usato come sostegno per l’allattamento, soprattutto nelle prime settimane. E’ stato molto utile come prima sdraietta: una volta chiuso e rivestito, infatti, lo mettevo sul tavolo mentre noi mangiavamo e faceva da piccolo sofà per un Edoardo piccolissimo. Ancora adesso lo tengo a portata di mano a letto come sostegno durante l’allattamento notturno.

 Salviette detergenti per il seno

Non sono necessarie, perché per l’igiene del seno è sufficiente la doccia giornaliera e nessun altro prodotto, se non qualche goccia dello stesso latte che produce e che può idratare. Le ho usate solo qualche volta al mare, per allattare dopo aver fatto il bagno nell’acqua salata.

 T-shirt e reggiseni allattamento

Come dice l’ostetrica che ci ha seguite al corso, noi mamme siamo un target allettante e alto-spendente perché, appena sentiamo le parole “comfort” o “fatto apposta per”, non capiamo più niente. Per fortuna in questo caso ho capito per tempo che non esiste il “fatto apposta” per un’azione così naturale: si può allattare vestiti in qualsiasi modo, sarà nostro buon senso evitare magari il body a collo alto che ci obbligherebbe a fare mille acrobazie per mettere il capezzolo a disposizione del nostro piccolo.

 Crema antiragadi

Non l’ho acquistata (o meglio: l’ho restituita dopo aver frequentato il corso) perché non è scientificamente provato che prevenga le ragadi. E credo non abbia senso comprarla in anticipo nemmeno per curare le ragadi che eventualmente verranno (io ad esempio non ne ho avute affatto).

 Pompa tiralatte

E’ uno di quegli oggetti che secondo me andrebbero acquistati (o noleggiati) solo in caso di vera necessità. Una mia collega l’aveva utilizzato per “svuotarsi” una volta concluso lo svezzamento e, non servendole più, me l’ha regalato. Ma per il momento, per fortuna, non mi è servito, perché gli ingorghi li può risolvere più facilmente il bambino stesso (allattandolo nella posizione adatta) e io ho scelto/avuto la possibilità di non allontanarmi mai da lui delegando la nutrizione ad altri.

[continua]


Una risposta a "Bebè in arrivo: la mia lista delle cose utili (e sono molte meno di quelle che i negozi vogliono farci credere!)"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.